Die Iovis 12/1 Antonella et Riki praelegent Senecam

Maesti amici ac flentes, sultis animum recreare ac tristitiam longe depellere, die Iovis Riki et Antonella praelegent Consolationem Senecae, qua omnes statim intendetis animum vestrum! Ut nobis est mos, hora 17 in aedibus Bibliothecae Civicae Veronensium.

 

Consolatio ad Marciam

Annunci

Viva il Latino! Di Nicola Gardini

Mi è rimbalzato su Twitter l’entusiasmo di molti per questo libro di Gardini; ho resistito pochi minuti prima di comprarlo su Kindle. Ho letto capo coda e qualche capitolo, questa la struttura:

Intro fortemente autobiografica. 

Capitoli in cui Gardini tratta singillatim dei suoi preferiti autori latini (classici). 

Outro in forma di apologia. 

In questo periodo è riemersa la questione del latino sì latino no. Ma con una nuova piega: praticamente nessuno dice esplicitamente che il latino è inutile, sarebbe una posizione scomoda, e l’argomento è talmente divulgato e volgare che si difende da sé. Così i vari apologeti sono nella condizione di “combattere contro le ombre”, come diceva Socrate quella volta, senza nessun accusatore di cui confutare gli argomenti. In questo vuoto finisce che gli argomenti degli apologeti si facciano così cervellotici e lambiccati da finire per mettere in luce motivazioni del tutto eterogenee per cui questo benedetto latino sarebbe da salvare. In tutto ciò Gardini mi pare centri il problema, quando afferma che le motivazioni degli “utilisti”, sono altrettanto inani di quelli degli “inutilisti”. Infatti difendere il latino dicendo che è un esercizio persino più utile della matematica nel formare il pensiero logico è un terribile strafalcione. Perché usare il latino per migliorare la logica? Non potremmo studiare logica? E perché usarlo per far comprendere la grammatica della propria lingua madre? Non potremmo insegnare meglio la grammatica della nostra lingua madre? Insomma Gardini riporta le finalità del latino nel latino stesso, e così facendo omaggia un vero atto di rispetto a questa lingua e cultura che sembra amare molto. 

Unico vizio del libro è una esplicita vocazione elitaria dei modi dell’apprendimento. Questo Gardini era un mezzo genio che si faceva da solo quattro versioni al giorno, così, per sollazzo. Era in anticipo sui programmi e sfoggiava una maturità critica disarmante. Per questi motivi dimostra di capire pochissimo quali siano le difficoltà della didattica e i modi dell’apprendimento. E liquida con una nonchalance deprimente tutti i metodi diretti, appiattendosi così sulle prospettive di altri non-esperti di scuola che seguitano  a cianciare in convegni ed elzeviri. Ma il fallo è comprensibile per un enfant prodige ormai lontano dalla scuola, e la piacevolezza, serietà, e profondità del libro ripagano ampiamente anche un lettore spocchioso come me. 

Orbis Sensualium Pictus 

Se c’è una cosa che mi sconvolge, da quando ho iniziato a dedicarmi al metodo diretto, è la sensazione di totale ignoranza riguardo al lessico latino. Non so come si dicano le cose più elementari: la corteccia di un albero, la foschia, gli zigomi. Quando mi attenevo ai metodi grammaticali e traduttivi vivevo bene la mia ignoranza, e non mi sembrava di aver non sapere così tante cose. Insomma, adesso, con l’aspirazione a fare lezione sempre e solo in lingua devo assolutamente migliorare il mio lessico, ed ho deciso, per cominciare,  di rivolgermi all’ordine Sensualium Pictus di Comenio. Studierò le sezioni che ritengo più interessanti e utili alla quotidianità, pagina per pagina, giorno per giorno, come fossi un pischello del 1659. La mia copia l’ho presa in prestito alla biblioteca universitaria, ma si trova facilmente il PDF di Google books. Purtroppo l’edizione  più recente è del Settecento, e i disegni, per gli standard odierni, sono poco leggibili; ma io mi ci sto già affezionando 🙂 


Ricominciamo dunque… 

Dopo un lungo e colpevole silenzio, torno a scrivere qualcosa sul mio diario di bordo. Non solo non ho mollato col metodo diretto, ma mi sono incrudelito, e sto studiando un po’ di cose. Un amico mi ha dato un po’ di bibliografia per cominciare a capirci qualcosa di Linguistica Acquisizionale; la mia malcelata impostazione gentiliana mi ha spinto a partire da una Storia dell’insegnamento della L2, che vedete in foto. 

La faccio breve: i metodi diretti sono quelli antichi e di tradizione più consolidata. 

Esercizio di amplificazione

Oggi con i miei alunni di prima classico abbiamo provato a svolgere degli esercizi di amplificazione di un testo latino. I risultati sono stati molto interessanti. La consegna era quella di ampliare il testo dato inserendo dei segmenti di testo. Il recente studio dei pronomi ha reso il tutto molto più facile 🙂

Testo di partenza:

Hodie mane Marcus  dicit ‘se e lecto surgere non posse nec lūdum petere.’ “Cūr surgere non potes?” interrogat Davus. “Surgere non possum” respondet Marcus, “quia aegroto. Caput mihi dolet.” Hoc dicens puer oculos claudit et tergum ad Davum vertit. Davus Iūlium, patrem Marci, vocat: “Veni, domine, et aspice tuum Marcum filium, qui dicit ‘se aegrotare’!” Iūlius intrat et spectat filium suum  in lecto iacentem. Marcus se vertit et faciem dolentem ostendit; manum ad frontem apponit et “Aegroto, pater” inquit, “Ei, ei! quam dolet caput! Surgere non possum.” “Si aegrotas” inquit Iūlius, “necesse est medicum vocare. Is te sanare potest.” Iūlius statim servum iubet Tūsculum ire atque medicum arcessere. Post horam servus cum medico ad viliam Iūlii redit. Medicus Marcum linguam ostendere iubet, et linguam eius rubram esse videt. Tum oculos et aures eius spectat et frontem eius tangit: nec nimis calida nec nimis frigida est frons. Deinde medicus manum super pectus pueri imponit et eum bene spirare atque cor eius bene palpitare sentit; puer pulmones bonos et cor bonum habet.” “Quid tibi dolet?” interrogat medicus. “Caput et venter dolet” respondet Marcus. Tum medicus “Ergo” inquit “corpus tuum nimis plenum est sanguinis. Necesse est venam aperire. Ecce culter meus.” Medicus puero cultrum suum ostendit. Cultrum medici videns Marcus “Iam non tam male me habeo” inquit, “Satis bene me valere sentio. Caput iam non dolet neque me ventrem malum habere puto.” Ridet medicus. At pater iratus iubet filium suum statim e lecto surgere atque lūdum petere!

Esercizio svolto da Gloria:

Hodie mane Marcus, puer imbrobus, a servo excitatur, et  dicit ‘se e lecto surgere non posse nec lūdum petere.’ Marcus non vult ire ad ludum, quia magister eius ,Diodorus, est severus et verberat virga pueros dormientes. Itaque dicit ‘se aegrotare’ .”Cūr surgere non potes?” interrogat Davus. “Surgere non possum” respondet Marcus , “quia aegroto. Caput mihi dolet. Pueri, qui aegri sunt, surgere non possunt.” Hoc dicens puer oculos claudit et tergum ad Davum vertit. Cum Marcus ridet, Davus Iūlium, patrem Marci, vocat: “Veni, domine, et aspice tuum Marcum filium, qui dicit ‘se aegrotare’!” Iūlius intrans spectat filium in lecto iacentem. Marcus se vertit et faciem dolentem ostendit; manum ad frontem apponit et “Aegroto, pater” inquit, “Ei, ei! quam dolet caput! Surgere non possum.” “Si aegrotas” inquit Iūlius, “necesse est medicum vocare. Is te sanare potest. Medicus est vir qui homines aegros sanat. ” Iulius plorat, quia uterque puer aegrotat, alter pes et bracchium dolet, alter caput et venter. Pater, statim servum iubet Tūsculum ire atque medicum arcessere. Post horam servus cum medico ad viliam Iūlii redit et medicus it ad parvum cubiculum ubi Marcus cubare solet. Medicus visitat puerum dolentem. Primum  Medicus Marcum linguam ostendere iubet, et linguam eius rubram esse videt. Tum oculos et aures eius spectat et frontem eius tangit: nec nimis calida nec nimis frigida est frons. Deinde medicus manum super pectus pueri imponit et eum bene spirare atque cor eius bene palpitare sentit; puer pulmones bonos et cor bonum habet.”Medicus,qui stultus non est, sentit Marcum esse sanum. “Quid tibi dolet?” interrogat medicus, stans apud lectum Marci. “Caput et venter dolet” respondet Marcus. Tum medicus “Ergo” inquit “corpus tuum nimis plenum est sanguinis. Necesse est venam aperire. Ecce culter meus.” Medicus puero cultrum suum ostendit. Culter medici est brevior quam gladius Romanorum sed acutus. Cultrum medici videns Marcus “Iam non tam male me habeo” inquit, “Satis bene me valere sentio. Caput iam non dolet neque me ventrem malum habere puto”. Medicus ridens dicit ‘Marcum esse sanum et posse ire ad ludum’. Iulius sumit baculum et verberat Marcum plorantem. “Necesse est te punire” inquit Iulius “ Nunc e lecto surge et ad ludum i!”.